Modern Stars – Silver Needles MiaCameretta Records

Il cielo e la terra e quello che c’è al centro. Uscirà il prossimo 25 settembre per MiaCameretta records  Silver Needles il disco di esordio dei Modern StarsSette tracce dense di suono e sfumature atmosferiche, che innestano un gusto da scena garage UK di fine anni ’80 in soluzioni personalissime e originali. Ogni pezzo è la fase di un viaggio, un cammino da A a B, la piccola conquista di un’avventura di science fiction. Si comincia con Lord I’m Ready, una discesa elettrica su ritmiche ostinate e colpi di batteria che tracciano il solco di passaggi sotterranei sempre in salita. Prendiamo subito contatto con la sovrapposizione delle due voci, una profonda e maschile, l’altra femminile ed eterea. Le due linee vocali, tenute a distanza da vibrazioni distorte e tremolanti danno a tutto l’album un’impressione di tridimensionalità. Alcune soluzioni ricordano i Primal Scream più interessanti ma vanno oltre, costruendo qualcosa che va al di là dei possibili e riconoscibili riferimenti musicali del disco. Silver Needles è anche una successione di visioni e rivelazioni: I hope I Go to Heaven è una cavalcata nel deserto alla ricerca di una sorgente d’acqua; ritmi poggiati, distorsioni lontane e arpeggi ipnotici espandono lo spazio intorno e lo abbagliano. La psichedelia minimale dei Modern Stars smuove energie ancestrali alla ricerca di un equilibrio possibile tra l’alto e il basso, il sacro e il profano, il maschile e il femminile. In She comes now, terzo brano dell’album, le tracce strumentali si incontrano e si contorcono in una spirale shoegaze post-punk. Richiami orientali scivolano su una base secca e distorta mentre arpeggi seventies inondano il pezzo di schegge psichedeliche. Il fraseggio vocale si ripete nell’incedere metallico e sabbioso di Jesus Walk Alone mentre l’ultima traccia, Hey Man, è un dichiarato omaggio agli Spaceman 3.

Per tutto il tracciato di Silver Needles, istinti recuperati da un passato remoto guidano la ricerca musicale verso una visione della realtà distorta e appannata, l’unico approdo alla contraddizione, ultima certezza rimasta. Una voce guida ci accompagna nella scoperta di suggestioni torbide e abbaglianti attingendo segreti di paesaggi notturni e sollevandosi al suono di vocalizzi alti e paradisiaci. Una bella sorpresa in questo indecifrabile 2020 e un invito a ricevere col cuore tutto quello che c’è tra inferno e paradiso.

Tracklist:

  1. Lord I’m Ready
  2. I Hope to Go to Heaven
  3. She Comes Now
  4. Space and Time
  5. Jesus Walk Alone
  6. Syde by Side
  7. Hey Man (Spaceman 3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *