L’intimità ha bisogno di tempo

 

La musica di Clara Engel non si presta al plauso di un unico ascolto. Come tutto quello che parla alla parte più nascosta di noi stessi Hatching Under the Stars è un disco che ha bisogno di tempo per scendere in profondità ed essere apprezzato. Quello della cantautrice di Toronto è un folk minimalista che orienta il suo incedere tra sentieri appena sfumati e paesaggi cangianti.  Hatching under the stars è una voce narrante che avanza di notte per parlare di mutamenti e trasformazioni, di animali da proteggere e anime da salvare, una guida temeraria che cammina nel buio fitto senza perdersi mai. Distante dall’invasiva immediatezza di un contemporaneo soffocante, instaura un dialogo lento e rispettoso con l’intimità dell’ascoltatore svelando creature indifese e metamorfosi inaspettate.

L’album è stato registrato in presa diretta nell’arco di due pomeriggi presso lo studio Lynx Music di Toronto. Clara Engel usa gli strumenti con accortezza e moderazione (chitarra, glockenspiel, batteria) ma non risparmia il fiato in testi tanto evocativi da sembrare poesie:

“…memory rises up like smoke
and falls in a full-blooded tide
ossified forest
floods with light

fly away with me
this tired old world isn’t all it’s cracked up to be
no pumpkin caravan
no magical seed
no spacecraft glowing in the moonlit trees

let’s find a new way to see
we still have our eyes
we can still breathe       (To keep the ghost at bay)

Hatching under the stars  induce la consapevolezza di un presente fragile e frammentato, offrendo un appiglio confortevole all’indecifrabile senso di straniamento che tanto avvertiamo in questi giorni. A volte un disco è tutto ciò che occorre per smetterla di tormentarsi e abbracciare il cambiamento. E a volte per trovare quello giusto bisogna allontanarsi dai numeri delle grandi classifiche.

Tracklist:

  1. To keep the ghost at bay
  2. Oiseau Rebelle
  3. Preserved in Ice (for Marc Chagall)
  4. Baby Alligators
  5. Any Creature
  6. Old Feathered Devil
  7. Seven Minutes Past Sunrise
  8. Little Blue Fox
  9. The Indifference of Fire

Martina Tiberti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *